11 novembre 2008

E fallimento sia!

Spiace cadere nel facile qualunquismo, però davvero a questo punto viene da augurarsi un veloce e definitivo fallimento per chiudere così una vicenda che dal penoso ha ormai virato decisamente verso lo squallido. Da spirito liberale, quindi contrario alla logica dell'interventismo di Stato, scrissi a suo tempo che, per senso di responsabilità e di realtà, a volte bisogna saper derogare a certi principi davanti a situazioni di eccezionale gravità dove in ballo ci sono interessi complessi. Insomma, pragmatismo e non dogmatismo. E lo penso ancora, pure di più dopo l'ultima crisi sui mercati finanziari. Ma nel caso di Alitalia il punto è che abbiamo già derogato, abbiamo mandato giù il rospo, e il risultato è comunque quello che vediamo ovvero il caos e una situazione da repubblica delle banane. E, sia chiaro, tutti, chi più chi meno, hanno contribuito a dare il peggio. I dipendenti del "fronte del no" non perdono occasione per dimostrare la loro irresponsabilità e per farsi odiare dall'intero Paese. Dopo lo slogan "Meglio fallire" che scatenò a settembre violente polemiche, ieri a Fiumicino si sentiva quello "Saremo il Vietnam della Cai". Semplicemente demenziale. Sui sindacati direi che non si può che stendere il classico velo pietoso. Il governo per parte sua si sta incaponendo su una soluzione che a questo punto è evidente che fa fatica a reggere. Servirebbe un cambio di rotta. La Cai (che è quello che è... e ce la siamo fatta andare bene giusto e solo per quello che ho già scritto sopra) ha dato la sensazione di aver provato a fare qualche ulteriore giochetto al ribasso passando dagli accordi di settembre al closing definitivo che doveva avvenire ora. Sull'opposizione veltroniana non direi niente: non si spara sulla Croce Rossa ;-) Mentre quella dipietrista è sempre più sfacciata nel suo vergognoso calcolo politico: quando c'è da cavalcare una qualsiasi protesta, giusto per cercare di far crescere il proprio consenso elettorale (si avvicinano le elezioni europee), l'Italia dei Valori non manca mai e, infatti, pure in questi giorni Di Pietro ha spedito a Fiumicino uno dei suoi (il senatore Pedica) ad arringare i "kamikaze" dell'improvvisato "Comitato di lotta", quello talmente estremo da essere scaricato persino dai sindacati autonomi dei piloti. Insomma, davvero non si salva nessuno. Si è montato un circo per uno spettacolo ormai appunto solo squallido. E, con la svolta verso gli scioperi selvaggi, il solo risultato nell'immediato è quello del caos negli aeroporti e del disagio per tutti i passeggeri. Davanti a questo non si può che dire basta. Come si dice, la misura colma. Fallimento sia e amen.

Etichette:

3 Commenti:

Anonymous marco ha detto...

ciao,
vorrei invitarti ad iscriverti al nuovo aggragatore http://www.blog360gradi.com l'iscrizione del tuo blog è gratuita e ti darebbe maggiore visibilità.

12:33 PM  
Anonymous Sonnie ha detto...

Perfettamente d'accordo, inoltre il tutto condito da un assurdo centralismo statale sfociato nel cattivo gusto.

8:19 AM  
Blogger Fripp ha detto...

Steve, come ti scrissi tempo fa in un altro commento ad un tuo post, Alitalia è già fallita ed è già in corso la procedura di ammissione al passivo.
L'operazione che è stata effettuata (contro le leggi in vigore e per questo c'è voluta una legge ad hoc e il c.d. decreto "salva-manager") è solo politica e affaristica per salvare la faccia a Berlusconi e sistemare i debiti di Toto, il tutto a spese dei contribuenti italiani e dei creditori di Alitalia.

10:07 AM  

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page

Post precedenti:

per leggere tutti i post precedenti consulta subito qui di seguito l'archivio del blog organizzato su base mensile

| dicembre 2004 | gennaio 2005 | febbraio 2005 | marzo 2005 | aprile 2005 | maggio 2005 | giugno 2005 | luglio 2005 | agosto 2005 | settembre 2005 | ottobre 2005 | novembre 2005 | dicembre 2005 | gennaio 2006 | febbraio 2006 | marzo 2006 | aprile 2006 | maggio 2006 | giugno 2006 | luglio 2006 | agosto 2006 | settembre 2006 | ottobre 2006 | novembre 2006 | dicembre 2006 | gennaio 2007 | febbraio 2007 | marzo 2007 | aprile 2007 | maggio 2007 | giugno 2007 | luglio 2007 | agosto 2007 | settembre 2007 | ottobre 2007 | novembre 2007 | dicembre 2007 | gennaio 2008 | febbraio 2008 | marzo 2008 | aprile 2008 | maggio 2008 | giugno 2008 | luglio 2008 | settembre 2008 | ottobre 2008 | novembre 2008 | dicembre 2008 | gennaio 2009 | febbraio 2009 | marzo 2009 | aprile 2009 | maggio 2009 | giugno 2009 | luglio 2009 | agosto 2009 | settembre 2009 | ottobre 2009 | novembre 2009 | dicembre 2009 | gennaio 2010 | febbraio 2010 | marzo 2010 | aprile 2010 | maggio 2010 | giugno 2010 | luglio 2010 | agosto 2010 | settembre 2010 | ottobre 2010
__________________________________________________________________________________

fuorimercato2011@gmail.com