06 ottobre 2008

Giù dal piedistallo

Era evidente che il nuovo piano "salva-Unicredit" sarebbe risultato molto indigesto in Borsa (già normalmente un maxi aumento di capitale deve pagare uno scotto, figuriamoci in tempi burrascosi come questi). Colpisce che fino alla scorsa settimana c'era chi sostanzialmente smentiva un intervento come questo, intervento che invece si è palesato proprio come previsto dai tanti rumors che sono circolati. Dicono che in Unicredit c'è chi se la sia presa per tutto quello che negli ultimi tempi ha scritto Dagospia. Beh, a questo punto verrebbe da dire: meno male che c'è Dagospia! Colpisce poi l'almeno parziale mea culpa odierno di Alessandro Profumo. Il numero uno di Unicredit, da sempre mitizzato da tanti come "golden boy" del nostrano settore bancario (banchiere "democratico" e novello Re Mida insieme) ora ammette "errori di valutazione". Peccato che di questi errori parli solo oggi, dopo essere stato schienato in Borsa. Forse, se lui e altri rampanti banchieri da prima pagina negli ultimi anni fossero scesi dal piedistallo per accettare di fare solo un po' di autocritica (le occasioni non sono mancate ad esempio con le tante note vicende di bond-bidone piazzati dalle banche ai risparmiatori), oggi la situazione potrebbe essere un po' meno drammatica. Profumo è fuori tempo massimo. E, come è ormai evidente a tutti, si è giocato proprio il piedistallo.

Etichette: ,

2 Commenti:

Anonymous Anonimo ha detto...

quindi? cosa accadrà al titolo a breve?

4:59 PM  
Blogger aldo ha detto...

Secondo me, la colpa non è solamente di Profumo, ma anche e soprattutto di Mister Draghi. Doveva controllare, ma, come quando direttore di Banca di'Italia lasciò l'incarico per altri lidi pur essendo a conoscenza di ciò che succedeva con Parmalat, così ora non si è mosso, anzi ha difeso la politica delle nostre banche (banchette). Perchè hanno permesso la fusione di Banco Roma pur sapendo la situazione dissestata e disastrosa di quest'ultima? Ora Geronzi, ritornerà a fare l'A.D. di Unicredito con la benedizione del PDL? A questo punto non sarebbe meglio dare il benservito anche a Draghi? Saluti Aldo.

9:30 AM  

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page

Post precedenti:

per leggere tutti i post precedenti consulta subito qui di seguito l'archivio del blog organizzato su base mensile

| dicembre 2004 | gennaio 2005 | febbraio 2005 | marzo 2005 | aprile 2005 | maggio 2005 | giugno 2005 | luglio 2005 | agosto 2005 | settembre 2005 | ottobre 2005 | novembre 2005 | dicembre 2005 | gennaio 2006 | febbraio 2006 | marzo 2006 | aprile 2006 | maggio 2006 | giugno 2006 | luglio 2006 | agosto 2006 | settembre 2006 | ottobre 2006 | novembre 2006 | dicembre 2006 | gennaio 2007 | febbraio 2007 | marzo 2007 | aprile 2007 | maggio 2007 | giugno 2007 | luglio 2007 | agosto 2007 | settembre 2007 | ottobre 2007 | novembre 2007 | dicembre 2007 | gennaio 2008 | febbraio 2008 | marzo 2008 | aprile 2008 | maggio 2008 | giugno 2008 | luglio 2008 | settembre 2008 | ottobre 2008 | novembre 2008 | dicembre 2008 | gennaio 2009 | febbraio 2009 | marzo 2009 | aprile 2009 | maggio 2009 | giugno 2009 | luglio 2009 | agosto 2009 | settembre 2009 | ottobre 2009 | novembre 2009 | dicembre 2009 | gennaio 2010 | febbraio 2010 | marzo 2010 | aprile 2010 | maggio 2010 | giugno 2010 | luglio 2010 | agosto 2010 | settembre 2010 | ottobre 2010
__________________________________________________________________________________

fuorimercato2011@gmail.com