18 settembre 2008

Più chiaro di così...

Premessa: già lunedì scorso un lettore di questo blog mi aveva parlato di questa cosa che sto per raccontare lasciando un commento ad un post. Mi era sembrata talmente incredibile che, nel dubbio, non avendo tempo in quel momento per verificare, ho deciso senza pensarci troppo di fermare il suo commento. Ora posso dire che aveva ragione lui e di conseguenza mi scuso con lui (dico "lui" perchè non ritrovo il commento; se mi riscrive mi fa molto piacere).

Fatta questa premessa a cui per correttezza tenevo, veniamo al fatto, clamoroso e sintomatico: ancora fino a lunedì 15 sul sito internet di "PattiChiari" (consorzio creato da tutte le banche italiane tramite l'Abi per favorire la trasparenza bancaria) i bond della Lehman Brothers erano indicati come "obbligazioni a basso rischio"! Solo dopo che Lehman ha dichiarato bancarotta i bond sono stati tolti dalla sezione degli strumenti a basso rischio [questa la comunicazione: "In data 15/09/2008 tutti i titoli Lehman Brothers sono usciti dall'elenco PattiChiari "Obbligazioni basso rischio basso rendimento" a seguito della comunicazione della stessa società di voler depositare la dichiarazione di fallimento (chapter 11 of the U.S. Bankruptcy Code)]. Ancora dunque fino ad un minuto prima del crack erano presentati tra gli strumenti finanziari adatti a risparmiatori in cerca di investimenti tranquilli. Leggo questo sul sito di PattiChiari: "Il nostro obiettivo è offrire strumenti semplici e moderni che ti aiutino a capire meglio i prodotti finanziari e scegliere quelli più adatti alle tue esigenze". Beh, grazie, ma personalmente forse ne faccio a meno...

Etichette: , ,

4 Commenti:

Blogger L'imprenditore ha detto...

Si son sbagliati nell'ultima frase.

Per un refuso han scritto "scegliere quelli più adatti alle tue esigenze"

volevano scrivere
"scegliere quelli più adatti alle nostre esigenze".

;-)

3:30 PM  
Blogger Ste ha detto...

;-))))

Steve

3:49 PM  
Anonymous Anonimo ha detto...

Ciao,

come al solito si fanno le cose all'italiana, vengono pasate delle liste come frutto di "grandi pensate" dei soloni di Banca d'Italia ed in realtà si usa un software (piccolo piccolo) che riceve i rating tradizionali ed i var e fa uno "scoring" ovvero dà un punteggio ai titoli.
Tutto questo senza nessuna garanzia di business continuity, basta infatti che il provider abbia un problema tecnico ed i titoli vengono selezionati a caso.
Risultato: per il cliente medio se anche Banca d'Italia sbaglia comprare un titolo diventa come comprare un Rolex al mercato di Napoli!!! Cari amici o si introduce qualcosa di nuovo, tipo rating dinamico che almeno come orizzonte temporale (giornaliero e non annuale) è più adeguato a valutazioni contingenti, o l'investimento per il futuro sarà comprare box in centro!!!!
Davvero penso sia necessario cambiare qualcosa portandosi verso metodologie meno "stregonesche" e più accademiche da utilizzare con strutture meno da bricolage e più formali almeno per quelle istituzioni che sono preposte a farlo. Per inciso anche con la normativa MiFID le operazioni di un cliente retail sui titoli in oggetto passava tranquilla e serena come appropriata,adeguata e congruente!! Perchè? Perchè la maggior parte delle Banche hanno una policy per intervalli di VaR che non è calcolabile se si bloccano le transazioni, situazione tipica di un crack.
No così non va per niente bene e bisogna fare in fretta perchè non sarà l'ultimo crack del 2008....
Ciao da Andrea F.

7:29 AM  
Blogger LL ha detto...

forse il tuo lettore misterioso è beppe grillo? :-)
http://www.beppegrillo.it/2008/09/patti_chiari_ta.html#comments
o forse un suo conoscitore.

ps: a proposito, ricordi che parlammo via mail del suo intervento a piazza navona (il suo non di quello di sabina guzzanti); come saprai si è deciso di non procedere penalmente, non per grazia ministeriale bensì perchè semplicmente non ve ne era la necessità.
mi pareva non avesse detto nulla di niente di male.

1:28 PM  

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page

Post precedenti:

per leggere tutti i post precedenti consulta subito qui di seguito l'archivio del blog organizzato su base mensile

| dicembre 2004 | gennaio 2005 | febbraio 2005 | marzo 2005 | aprile 2005 | maggio 2005 | giugno 2005 | luglio 2005 | agosto 2005 | settembre 2005 | ottobre 2005 | novembre 2005 | dicembre 2005 | gennaio 2006 | febbraio 2006 | marzo 2006 | aprile 2006 | maggio 2006 | giugno 2006 | luglio 2006 | agosto 2006 | settembre 2006 | ottobre 2006 | novembre 2006 | dicembre 2006 | gennaio 2007 | febbraio 2007 | marzo 2007 | aprile 2007 | maggio 2007 | giugno 2007 | luglio 2007 | agosto 2007 | settembre 2007 | ottobre 2007 | novembre 2007 | dicembre 2007 | gennaio 2008 | febbraio 2008 | marzo 2008 | aprile 2008 | maggio 2008 | giugno 2008 | luglio 2008 | settembre 2008 | ottobre 2008 | novembre 2008 | dicembre 2008 | gennaio 2009 | febbraio 2009 | marzo 2009 | aprile 2009 | maggio 2009 | giugno 2009 | luglio 2009 | agosto 2009 | settembre 2009 | ottobre 2009 | novembre 2009 | dicembre 2009 | gennaio 2010 | febbraio 2010 | marzo 2010 | aprile 2010 | maggio 2010 | giugno 2010 | luglio 2010 | agosto 2010 | settembre 2010 | ottobre 2010
__________________________________________________________________________________

fuorimercato2011@gmail.com