03 dicembre 2008

Sinistra al caviale

Nonostante sia nel frattempo venuto fuori che l'adeguamento dell'Iva al 20% sulla pay-tv nasce da una precisa richiesta in questo senso dell'Unione Europea già addirittura accettata dal governo Prodi (solita figuraccia di Veltroni...), il Partito Democratico insiste nella sua disastrosa crociata pro-Sky. Certo che la mutazione genetica della nostrana sinistra la ha portata davvero lontano dalle origini. Una volta difendevano i proletari italiani, oggi difendono i multimiliardari stranieri come Murdoch. Una volta si preoccupavano di chi non riesce a comprare pane e latte, oggi le battaglie le fanno per quelli che devono pagare qualche soldo in più di Iva su un bene voluttuario come la tv satellitare. E' la nuova sinistra che difende i ricchi e i privilegiati. Nei salotti televisivi amano ancora oggi riempirsi la bocca con proclami a favore di "quelli che fanno fatica ad arrivare alla fine del mese". Peccato solo che quelli che davvero non arrivano alla fine del mese non sono di certo gli stessi che si possono permettere l'abbonamento a Sky. Quelli che davvero non arrivano alla fine del mese sono quelli che in questi giorni stanno facendo la fila per la social card. La sinistra invece difende gli "altri" che non arrivano alla fine del mese: quelli che faticano perché sale l'Iva sulla pay-tv, perché il telefonino I-phone costa un botto, perché non si trova un posto a Cortina per il capodanno, perché per fare il pieno all'Audi ci si svuota il portafoglio, perché le case ai Parioli costano sempre di più, perché se vai a mangiare il branzino al ristorante tutti i sabati ci lasci un capitale. E’ la sinistra al caviale. Non si meraviglino poi se in quelle che erano considerate storicamente città rosse la "base" preferisca ormai votare per la Lega.

9 Commenti:

Blogger Luca ha detto...

Peccato che se oggi qualcuno desidera uscire dal decadente ed opprimente clima televisivo dell'oligopolio Raimediaset l'unica alternativa è la tv a pagamento. Considero la mia quota mensile sky come una sorta di ticket sanitario per la mia salute mentale, una spesa imprescindibile a cui riesco a fare fronte rinunciando a tante altre piccole cose spesso inutili o trascurabili.
Capisco che l'iva sui servizi debba essere uguale per tutti, ma la faccenda dell'adeguamento alla richiesta UE è come la faccenda del traffico tirata in ballo ogni volta che arriviamo in ritardo. Se serve la si usa altrimenti (siamo il paese più lento all'adeguamento delle direttive UE) cade nel dimenticatoio.

12:43 PM  
Blogger Ste ha detto...

Per Luca:

scusami, ma definire "spesa imprescindibile" l'abbonamento a Sky mi sembra francamente fuori luogo se si pensa a quelli che davvero fanno fatica a comprare anche i generi alimentari.

Non scherziamo con le parole, l'abbonamento alla pay-tv è un bene voluttuario. Un lusso. E quindi è giusto che non abbia più l'Iva agevolata, come peraltro richiesto dalla Ue.

Come ha già scritto un altro nel precedente post il riscaldamento delle nostre case ha l'Iva al 20%. Vogliamo considerare la pay-tv bene di prima necessità come il riscaldamento? Non scherziamo!

E poi, scusami, Sky ha programmi molto interessanti, su questo credo che tutti siamo d'accordo, ma non è comunque l'unica alternativa alla tv generalista decadente (sul decadente sono pienamente d'accordo con te). Io ad esempio a casa non ho Sky eppure la sera riesco molte volte a trovare una alternativa valida. Quale? Semplice: leggo un libro! Già, proprio così, i cari vecchi libri di cui tutti si dimenticano. Credo che un buon libro alla fine ti lasci di più della tv generalista e pure di Sky!

Visto che l'Italia è un Paese dove purtroppo si legge sempre meno (probabilmente anche per colpa della tv, generalista o satellitare che sia), perchè la sinistra invece di fare una battaglia in favore del multimiliardario Murdoch (uno che ha soldi abbastanza per difendersi da solo) non ne fa ad esempio una per incentivare proprio il settore dei libri? Non sarebbe più "di sinistra" dire sì all'adeguamento dell'Iva al 20% sulla tv satellitare magari chiedendo "in cambio" una ulteriore riduzione per i libri?

Se non vogliamo che il Paese continui a diventare sempre più ignorante (come a me sembra), "imprescindibile", come dici tu, è leggere libri non guardare la tv (di qualunque genere).

Così almeno la vedo io.

Ciao,


Steve
www.fuorimercato.blogspot.com

2:19 PM  
Blogger LL ha detto...

eh sì libri!

ma hai letto che nello spot antigoverno che sta passando ora sky c'è proprio una lamentela perchè i libri hanno l'iva al 10% e dunque la vuole al 10% anche sky?
eccoti il link

http://www.corriere.it/politica/08_dicembre_03/nuovo_spot_sky_indirizzo_tremonti_d86d46c2-c129-11dd-9466-00144f02aabc.shtml


spero questa vicenda serva ad aprire gli occhi sull'immenso potere che ha sky.
sull'etica e la morale che ha sky.
sui rapporti tra politica e sky.
sui rapporti tra giornali e sky.

e spero si comprenda anche che... beh, hai capito dove andrei a parare....

IL CALCIO MODERNO FA SKYFO

3:52 PM  
Blogger Fripp ha detto...

Steve, il decoder per il digitale terrestre era indispensabile?
Eppure è stato regalato a spese dello Stato (e a guadagno del fratello del presidente del consiglio).
Quanto alla questione dell'IVA su Sky, le polemiche sorte sono eccessive, stiamo parlando di alcuni euro al mese, ma quello che fa specie è che, insieme all'abolizione - retroattiva -della detrazione del 55% per il risparmio energetico (complimenti a Tremonti), è in pratica lunico provevdimanto di carattere fiscale introdotto nella c.d. manovra anticrisi.
Non credo invece che l'abbonamento alla TV satellitare sia oramai da considerarsi un bene di lusso: forse superfluo (insieme a cento altre cose), ma di lusso, dai ...
Ieri mi trovavo a passare per un quartiere molto popolare di Milano e ho fatto caso alle antenne satellitari installate sui balconi: un numero impressionante, facci caso anche tu.

3:55 PM  
Blogger Ste ha detto...

per Fripp:

no, il decoder non era bene "indispensabile" (e infatti io non lo ho mai detto) come non lo è ora Sky. Era "voluttuario" il decoder allora come lo è oggi l'abbonamento a Sky.

Il termine "lusso" lo ho usato chiaramente in relazione a quelli che fanno fatica a comprarsi anche i veri beni di prima necessità. Chi fa fatica a comprare i generi alimentari magari perchè è senza lavoro e ha una famiglia numerosa vede la pay-tv assolutamente come un "lusso" che non si può permettere. E forse fa fatica a capire perchè la sinistra snobba la social card per fare invece le battaglie in favore degli abbonati a Sky e di Murdoch!

Sulle tante parabole installate sui balconi di Milano hai perfettamente ragione. E questo però non fa che andare nel senso di quello che ho scritto in questo post: c'è gente che si lamenta perchè non arriva alla fine del mese e poi ha la pay-tv, l'Iphone, il macchinone e fa le vacanze ai Caraibi. Se uno si può permettere beni voluttuari, come l'abbonamento alla pay-tv, dovrebbe avere la decenza di non lamentarsi perchè non arriva alla fine del mese. Non è che perchè tanti hanno la py-tv allora la pay-tv diventa bene di prima necessità. Resta un bene voluttuario che evidentemente milioni di persone possono ancora permettersi.

Per quanto mi riguarda, ribadisco che nel caso le battaglie sull'Iva le farei in favore dei libri, non della tv qualunque essa sia (generalista, digitale terrestre, satellitare).


Steve

4:35 PM  
Blogger Ste ha detto...

Per LL(Luca):

grazie per la segnalazione. Non ho ancora visto il nuovo spot di Sky e dunque questa cosa del riferimento ai libri, come dire che la pay-tv e i libri sono da considerarsi alla stessa stregua, non la sapevo. E francamente, se così è, la trovo al limite dell'offensivo. Almeno per uno come me che ancora considera i libri cosa superiore alla tv. Ma evidentemente io sono un po' all'antica rispetto a questi progressisti di Sky e ai loro amichetti del Pd ;-)

Steve

4:43 PM  
Blogger LL ha detto...

vai al link del corriere che ti ho dato e leggi.

comq mi fa piacere averti al fianco in questa battaglia d'opinione!

mi ha fatto venire un nervoso sta cosa...
guarda è venuta a galla un bel pò di roba e adesso me la godo pure un pò...
;-)

5:26 PM  
Blogger fabrizio ha detto...

Io ho un abbonamento a Sky pago 63 euro al mese sono tanti soldi, però sono assolutamente soddisfatto perchè Rai e Mediaset fanno semplicemente pena. Il problema è che Belusconi è una mostruosa anomalia con il suo conflitto di interessi che la sinistra non ha mai voluto affrontare. Comunque i libri sono sempre meglio di qualsiasi televisione!!!!!!

11:07 PM  
Blogger Fripp ha detto...

Steve, sono perfettamente d'accordo con quanto hai scritto.
Un saluto

9:38 AM  

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page

Post precedenti:

per leggere tutti i post precedenti consulta subito qui di seguito l'archivio del blog organizzato su base mensile

| dicembre 2004 | gennaio 2005 | febbraio 2005 | marzo 2005 | aprile 2005 | maggio 2005 | giugno 2005 | luglio 2005 | agosto 2005 | settembre 2005 | ottobre 2005 | novembre 2005 | dicembre 2005 | gennaio 2006 | febbraio 2006 | marzo 2006 | aprile 2006 | maggio 2006 | giugno 2006 | luglio 2006 | agosto 2006 | settembre 2006 | ottobre 2006 | novembre 2006 | dicembre 2006 | gennaio 2007 | febbraio 2007 | marzo 2007 | aprile 2007 | maggio 2007 | giugno 2007 | luglio 2007 | agosto 2007 | settembre 2007 | ottobre 2007 | novembre 2007 | dicembre 2007 | gennaio 2008 | febbraio 2008 | marzo 2008 | aprile 2008 | maggio 2008 | giugno 2008 | luglio 2008 | settembre 2008 | ottobre 2008 | novembre 2008 | dicembre 2008 | gennaio 2009 | febbraio 2009 | marzo 2009 | aprile 2009 | maggio 2009 | giugno 2009 | luglio 2009 | agosto 2009 | settembre 2009 | ottobre 2009 | novembre 2009 | dicembre 2009 | gennaio 2010 | febbraio 2010 | marzo 2010 | aprile 2010 | maggio 2010 | giugno 2010 | luglio 2010 | agosto 2010 | settembre 2010 | ottobre 2010
__________________________________________________________________________________

fuorimercato2011@gmail.com